Posts tagged ‘facebook’

Facebook terms of use: vincono gli utenti

Accedendo a Facebook stamattina, come parte di un rito che si consuma puntale -posta di lavoro, posta personale, facebook, skype- ho trovato il seguente post in homepage:

immagine-21

Insomma, gli utenti battono facebook per 1-0: l’annunciata modifica dei termini del contratto che regola i rapporti tra i due soggetti, è stata ritirata per via delle accesse e ferme proteste delle facce che popolano il libro.

Per chi non avesse seguito la vicenda, il nuovo contratto avrebbe sostanzialmente privato gli utenti della proprietà dei contenuti postati sul social network, aggiungendo questa clausola:

“Accettando questo contratto, lei garantisce a Facebook una licenza mondiale (con il diritto di sub-licenziare) irrevocabile, perpetua, non-esclusiva, trasferibile, completamente pagata al fine di utilizzare, copiare, pubblicare, diffondere in streaming, conservare, detenere, riprodurre in pubblico, trasmettere, scannerizzare, riformattare, modificare, editare, incorniciare, tradurre, estrarre, adattare, creare opere derivate e distribuire (attraverso vari livelli), qualsiasi User Content che lei pubblica sul Servizio Facebook o in connessione ad esso […].”

Nella stessa modifica, veniva invece spazzato via il paragrafo che finora permetteva di rescindere il contratto:

“Lei può rimuovere il suo User Content dal sito in ogni momento. Se lei sceglie di rimuovere il suo User Content, la licenza sopra concessa decadrà automaticamente; tuttavia lei afferma di essere a conoscenza del fatto che l’Azienda potrebbe detenere copie d’archivio del suo User Content.”

Per fortuna la maturità degli utenti della rete è piuttosto alta, così da esercitare il ruolo di “cani da guardia del potere”, un potere immateriale, fatto di bit, ma in grado di condizionare la nostra vita in maniera ben più materiale.

Molto interessante l’analisi comparativa di Amanda L. French a proposito delle licenze dei principali social network: neanche a farlo apposta, è proprio Facebook il più cattivo. Scrive Amanda:

“[…] Go ahead and be outraged. Facebook’s claims to your content are extraordinarily grabby and arrogant. Here’s the rundown, which I go through in more detail below:

  1. Facebook apparently wants to keep all its rights to your stuff after you remove it from Facebook, and even after you delete your Facebook account; they just removed the lines that specified that their rights end when your content comes down. Nobody else (of those I looked at) would dream of that; mostly they specifically state that their rights to your content end when you remove the content from their site or delete your account.
  2. This one kills me: Facebook claims it can do whatever it wants with your content if you put a Share on Facebook link on your web page. Unbelievable–and unique, as far as I can tell. People can post links in Facebook to your content just by copying and pasting the URL, but if you want to save them a few keystrokes by putting a link or a widget on your site, Facebook claims that you’ve granted them a whole mess of rights. Count me out.
  3. Other sites point out in their terms of service that you still own your content: Facebook doesn’t mention that little fact. Facebook also neglects to remind you that you’re giving other Facebook users rights to your Facebook content, too — YouTube, for example, makes it clear that other people besides YouTube have a right to use and spread around the videos you upload. In general, other sites’ terms of service just have a more helpful tone.”

Conclusione: prima di flaggare la casella “accetto”, leggiamo molto attentamente i termini d’uso!

Annunci

febbraio 18, 2009 at 11:27 am 2 commenti

Facebook: il film

Aaron Sorkin, regista e produttore, autore tra gli altri di “La guerra di Charlie Wilson”, ha annunciato che girerà un film su Facebook: la storia della sua creazione, i primi utenti, la crescita esponenziale. Il racconto del social network più popolato al mondo (è di poco tempo fa la notizia del sorpasso di MySpace), non risparmierà le questioni spinose legate alla piattaforma, come le cause legali e i “suicidi” che sempre più spesso si verificano da parte degli utenti, stufi dello spam e spaventati dalle violazioni della propria privacy.

Il film sarà prodotto da Sony Pictures e Scott Rudin, e la sua scrittura non poteva che servirsi proprio di facebook: sulla pagina del gruppo “The Facebook Movie” gli utenti possono intervenire e raccontare storie utili per il film, fare domande al regista e iniziarlo al mondo del web 2.0. Il post di Sorkin recita infatti: I figured a good first step in my preparation would be finding out what Facebook is, so I’ve started this page. (Actually it was started by my researcher, Ian Reichbach, because my grandmother has more Internet savvy than I do and she’s been dead for 33 years.)

Sono curiosa di vedere il film, ma ancora di più sono entusiasta all’idea che l’audience possa partecipare alla sua scrittura e influenzarne lo sviluppo. In questo senso ho trovato davvero interessante l’intervento di Scrabbled Intoit: “Dating: from ‘Did she call?’ to ‘Did she change her status?'”.

Come scrive Jennifer Jones su Speak Media Blog: “Another wall is being knocked down in the path to story-telling. This time instead of the traditional vs. citizen journalist, it’s between the filmmakers and audience. Either way, he’s bringing us into his process for making this movie and isn’t that what social media is all about?”

agosto 29, 2008 at 7:16 pm 2 commenti


Categorie

Feeds

il pubblico editore