The Girl Effect

giugno 13, 2008 at 11:50 pm Lascia un commento

Mi rende un po’ perplessa il corto circuito tra la Nike accusata di far cucire i palloni in Pakistan, e la Nike che si impegna in una campagna per l’educazione e l’emancipazione delle giovani donne. Mi sembrava di ricordare una frase del tipo: “Nel 1992 la Nike ha pagato l’impiegato part-time Michael Jordan più di quanto abbia pagato tutte le 30.000 ragazze indonesiane che hanno lavorato in condizioni spaventose per fabbricare le scarpe da ginnastica che portano il marchio della megacorporation statunitense” (No Logo, N. Klien, 2000)

Ma forse sono io che sono diffidente. Suppongo che il commento migliore sia: meglio di niente.

Per saperne di più andate qui, qui, qui. Per iniziare a partecipare qui.

Grazie a Gianluca Marino per la segnalazione.

Entry filed under: social media projects. Tags: , , , , , , , , .

Arrakis: il potere della rete Trunk: la nuova serie di Webserials.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Categorie

Feeds

il pubblico editore


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: