UGC e pubblicità

aprile 28, 2008 at 10:07 am 1 commento

L’Interactive Advertising Bureau ha pubblicato una ricerca intitolata “User Generated Content, Social Media, and Advertising — An Overview” che esplora e tenta di dare ordine alle diverse opportunità offerte alle aziende che vogliono pubblicizzarsi attraverso la rete.
Lo studio individua una serie di strumenti con cui gli inserzionisti devono necessariamente misurarsi, dagli overlay video ads alle community di cosumatori, passando per widgets e pagine del brand sui principali social network. Interessante il confronto con le forme tradizionali di pubblicità: “Traditionally, marketers have been able to buy time or space on fixed media in a controlled context. They knew where their ad would appear, what it would look like, and perhaps most important, in what context it would be seen. In other words, they could be guaranteed their message wasn’t being delivered in a hostile or inappropriate environment. Today, such guarantees are harder to make, and that lack of control can be a source of great anxiety for marketers. But it also represents an unrivaled opportunity”.

Entry filed under: ugc. Tags: , , , , .

Filmaka: (anche) il cinema cerca talenti Outdoor TV: fotografare un’audience in movimento

1 commento Add your own

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Categorie

Feeds

il pubblico editore


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: